Istituto di Conciliazione e Alta Formazione

23.06.2016 – Verona – Vaccari

Necessità, in caso di mediazione delegata, di esplicitare correttamente l’oggetto della istanza che deve coincidere con l’oggetto del giudizio.

IL TRIBUNALE ORDINARIO DI VERONA
terza sezione civile

 
Il giudice dottor Massimo Vaccari ha pronunciato la seguente

ORDINANZA

Società —-

contro

Banca ——-
A scioglimento della riserva assunta all’udienza del 16 giugno 2016

motivi della decisione

– rilevato che alla scorsa udienza la società attrice, a riscontro delle specifiche sollecitazione di questo giudice, ha promosso il procedimento di mediazione in relazione ai fatti per cui è causa;
tale distanza non individua però le ragioni della pretesa di parte attrice, come richiesto dall’articolo 4, 2 decreto legislativo 28/2010
;       
– infatti nel riquadro, in essa presente e destinato a descrivere l’oggetto della domanda, risulta scritto testualmente “vedi lettera studio (…) senza ulteriori precisazioni”;   
– che tale generica dicitura non consente di stabilire se la lettera colà richiamata corrisponde a quella prodotta, unitamente all’istanza di mediazione, e che risulta essere stata inviata alla banca convenuta, e abbia quindi attinenza alla materia del contendere (azione di ripetizione somme, corrisposte a titolo interessi usurari, spese, competenze, commissione di massimo scoperto);
– che pertanto deve escludersi che il procedimento di mediazione sia stato utilmente esperito e che la condizione di procedibilità sia stata realizzata;

PQM

assegna le parti termine di quindici giorni dalla comunicazione del presente provvedimento per presentare istanza di mediazione       
rinvia la causa udienza il 10 novembre 2013 alle ore 9:30.           
Così deciso in Verona il 23 giugno 2016 
Il Giudice            
dr. Massimo Vaccari

Contatti

Compila il form di seguito per richiedere maggiori informazioni:

    Seguici su:

    ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER E RICEVI UNO SCONTO DEL 10% SUL TUO PRIMO CORSO O SULLA TUA PRIMA MEDIAZIONE CIVILE

    Privacy Policy